Articoli marcati con tag 'roma'

STATINE

STATINE

Le statine dono i farmaci attualmente più usati nel trattamento dell’ipercolesterolemia.
Il meccanismo alla base delle statine consiste nel ridurre la sintesi del colesterolo endogeno (prodotto dal fegato), attraverso l’inibizione competitiva dell’enzima HMG-CoA (3-Hyroxy-3Methyl-Glutaryl-Coenzima A) reduttasi. La diminuzione del contenuto intracellulare di colesterolo, determina un aumento dei recettori per le LDL e quindi una maggiore captazione, internalizzazione e, di conseguenza, una riduzione del colesterolo circolante.
Le statine hanno un’azione dose-dipendente e tra quelle più usate ...

Continua →
0

BERBERINA

BERBERINA

La berberina è un alcaloide isochinoloinico presente in diverse piante della famiglia delle Berberidaceae (Berberis vulgaris, Berberis aquifolium, Iodendrom amurense, Beris aristata). A seconda della pianta, la berberina può localizzarsi prevalentemente nelle radici o nei rizomi o nella corteccia o nei piccioli (in concentrazioni differenti).
L’impiego terapeutico della berberina, proviene dalla medicina cinese, come rimedio per la diarrea e la dissenteria. L’effetto antidiarroico della berberina dipende essenzialmente dall’inibizione della secrezione intestinale, dalla modulazione della motilità intestinale e dall’effetto ...

Continua →
0

IPERCOLESTEROLEMIA E DISLIPIDEMIE

IPERCOLESTEROLEMIA (COLESTEROLO ELEVATO) E DISLIPIDEMIE

 

COLESTEROLO FISIOLOGIA

Il colesterolo è una molecola che ha un ruolo fisiologico fondamentale nel nostro organismo: impedire l’eccessiva fluidità delle membrane cellulari. Il colesterolo, inoltre, è un importante precursore nella sintesi di diversi ormoni, ma anche della vitamina D e dei sali biliari.
Nel nostro sangue il colesterolo si muove legato a dei trasportatori, substrati proteo-lipidici con funzioni di trasporto, chiamati appunto carriers. Questi trasportatori vengono classificati in base alla ...

Continua →
0

DHEA E INSUFFICIENZA SURRENALICA

DHEA E INSUFFICIENZA SURRENALICA

Il DHEA (deidroepiandrosterone) è un precursore degli androgeni, prodotto principalmente dalla corteccia surrenalica, che nei tessuti periferici è convertito in androgeni più potenti (come il testosterone) ed in estrogeni. In caso di insufficienza surrenalica, primaria o secondaria, la secrezione di DHEA è spesso ridotta, talvolta assente, in entrambi i sessi.

INTRODUZIONE

Con il termine insufficienza surrenalica (iposurrenalismo) si intende l’insieme delle condizioni caratterizzate da una ridotta e/o insufficiente funzione del ...

Continua →
0

CATETERISMO DEI SENI PETROSI INFERIORI (IPSS) E CUSHING

CATETERISMO DEI SENI PETROSI INFERIORI (IPSS) E CUSHING

 

Il cateterismo dei seni petrosi inferiori (IPSS) è una procedura di neuroradiologia interventistica. Questa procedura permette la misura diretta della secrezione di un ormone ipofisario ed è principalmente impiegata nella diagnosi differenziale tra le forme di Cushing ACTH-dipendenti.

INTRODUZIONE

La sindrome di Cushing endogena è una patologia che può avere diverse cause. Si distinguono, infatti, forme di Cushing ACTH-dipendenti e ACTH-indipendenti.
La causa più ...

Continua →
0

DEFICIT ISOLATO DI ACTH

DEFICIT ISOLATO DI ACTH

Il deficit isolato di ACTH è una rara forma di insufficienza surrenalica secondaria.
L’insufficienza surrenalica è definita come ridotta e/o insufficiente funzione del surrene. Questa può essere conseguenza di un processo distruttivo della ghiandola surrenalica (iposurrenalismo primario o malattia di Addison) o di una scarsa stimolazione della stessa da parte dell’ipofisi (iposurrenalismo secondario) o dell’ipotalamo (iposurrenalismo terziario).
Bene, il deficit isolato di ACTH è una forma di insufficienza surrenalica ...

Continua →
0

SELENIO E MIOINOSITOLO NELLA TIROIDITE CRONICA

SELENIO E MIOINOSITOLO NELLA TIROIDITE CRONICA

Selenio e mioinositolo nella tiroidite cronica: quali interazioni?

La tiroidite cronica autoimmune o linfocitaria di Hashimoto (TCA) è una patologia cronica a patogenesi autoimmunitaria che colpisce prevalentemente il sesso femminile con un rapporto F/M di 4:1 nella fascia di età compresa tra 30 e 60 anni. Gli eventi che inducono il processo autoimmune sono interpretabili sulla base di due teorie. La prima ipotizza che, in conseguenza di un’infezione provocata da un ...

Continua →
0
Pagina 1 del 16 12345...»
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Cliccando sul tasto Accetta ci aiuterai a lavorare meglio in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Centro privacy Impostazioni Cookie