Ipotalamo Ipofisi

IPOTALAMO E IPOFISI

L’ipotalamo e l’ipofisi sono due strutture anatomiche, strettamente collegate fra loro, situate alla base del cranio. Si tratta di due strutture che rappresentano la più importante area di interconnessione fra il sistema nervoso e il sistema endocrino da cui partono gli impulsi e gli stimoli ormonali che governano l’intero sistema endocrino.
L’ipotalamo è un centro che, nel nostro corpo, regola il ritmo sonno/veglia, la fame, la sete e la temperatura corporea.
L’ipotalamo, inoltre, produce delle sostanze (neuroormoni) ...

Continua →
9

PROLATTINA (IPERPROLATTINEMIA, PROLATTINOMA)

Autore: Dott. Andrioli Massimiliano

La prolattina (PRL) è un ormone, normalmente prodotto dall’ipofisi, che ha la funzione di stimolare la produzione di latte nelle donne gravide e di impedire un’ulteriore gravidanza durante le prime fasi dell’allattamento.
L’iperprolattinemia è quella condizione caratterizzata da valori ematici di prolattina superiori alla norma.
Tale condizione spesso si accompagna ad anovularietà e disturbi del ciclo mestruale (nella donna) ed a perdita della libido e della potenza (nell’uomo).

EZIOPATOGENESI
Continua →

14

IPOPITUITARISMO POST TRAUMATICO

Autore: Dott.ssa Fatti Letizia

Il danno cerebrale traumatico ha un’incidenza annuale intorno ai 200 casi per 100.000 persone, di cui quasi il 10% sono fatali e il 20-40% sono di grado moderato-severo.
L’ipopituitarismo è un evento comune tra i sopravvissuti del danno cerebrale traumatico (TBI) che si può instaurare anche diversi mesi o addirittura anni dal trauma cranico. L’ipopituitarismo può essere parziale o completo. L’assenza di una lesione alla RMN o alla TC non ne esclude la ...

Continua →
5

ACROMEGALIA e GIGANTISMO

Autore: Dott.ssa Lavezzi Elisabetta

Il termine acromegalia deriva dalla lingua greca e significa letteralmente estremità (akros) grandi (megas). Si tratta di una sindrome clinica, che si determina dopo anni di prolungata esposizione dell’organismo a elevati livelli circolanti di ormone della crescita o growth hormone (GH) e del suo mediatore periferico: l’insulin like growth factor tipo 1 (IGF-1 o somatomedina C).

E’ una malattia cronica debilitante, caratterizzata dall’ingrossamento di piedi, mani, lingua e ossa del volto e dall’organomegalia, cioè ...

Continua →
13

DIABETE INSIPIDO

Autore: Dott. Andrioli Massimiliano

Il diabete insipido è quella condizione clinica che si caratterizza per la presenza di poliuria ovvero l’emissione di elevate quantità di urine, a bassa osmolalità, alla quale l’organismo risponde aumentando la sensazione della sete e quindi l’introito di liquidi (polidipsia).
Esistono due forme di diabete insipido.
Il diabete insipido centrale, è causato dal deficit dell’ormone che regola l’escrezione di acqua libera dai reni (ormone antidiureticoADHvasospressina).
Il diabete insipido nefrogenico, invece, è causato dalla refrattarietà renale all’azione ...

Continua →
8

SINDROME DA INAPPROPRIATA SECREZIONE DI ADH (SIADH)

Autore: Prof. Peri Alessandro

La sindrome da inappropriata secrezione di ADH (SIADH) rappresenta una frequente causa di iponatremia (o iposodiemia). L’iponatremia è definita come una riduzione dei valori del sodio plasmatico al di sotto di 136 mmol/l (1). Questa alterazione ha un profondo impatto dal punto di vista clinico: infatti, iponatremia è presente nel 15-30% di pazienti ospedalizzati (2). L’iponatremia può essere associata a condizioni di ridotta, normale o aumentata osmolarità plasmatica (3).
In presenza di una iponatremia ipo-osmolare ha importanza, ai fini diagnostici, ...

Continua →
1

SELLA VUOTA (EMPTY SELLA)

Autore: Dott. Andrioli Massimiliano

Il termine sella vuota o empty sella è usato per definire un aspetto radiologico caratteristico che la sella turcica, struttura anatomica normalmente contenente l’ipofisi, può assumere in determinate circostanze, tanto da sembrare vuota.
Tale entità è dovuta all’erniazione dello spazio subaracnoideo all’interno del cavo sellare con conseguente appiattimento dell’ipofisi che risulta schiacciata sul pavimento sellare.
La sempre maggiore diffusione delle tecniche neuroradiologiche (TAC e RMN) he reso la sella vuota un riscontro sempre più ...

Continua →
2

ADENOMA IPOFISARIO

Autore: Dott. Andrioli Massimiliano

L’ipofisi può essere interessata da piccole neoplasie, spesso di natura benigna (adenomi ipofisari) e molto raramente da tumori maligni o da metastasi di altri tumori.
Pertanto i tumori ipofisari sono per lo più adenomi e solo eccezionalmente carcinomi (meno del 0.2% di tutti i tumori ipofisari).
Gli adenomi ipofisari possono essere distinti:
–          in rapporto alle loro dimensioni, in: microadenomi (<10 mm) e macroadenomi (10 mm);
–          in base all’estensione, in: intrasellari ed extrasellari;
–          ...

Continua →
14

ADENOMA IPOFISARIO NON SECERNENTE (NFPA)

Autore: Dott. Andrioli Massimiliano

Gli adenomi ipofisari non secernenti (non-functioning pituitary adenomas o NFPA) rappresentano circa il 25% degli adenomi ipofisari e raggruppano entità differenti con la caratteristica comune di non ipersecernere ormoni identificati. Questo fenomeno è solitamente dovuto a difetti di secrezione o alla secrezione di ormoni bioinattivi.
Studi in vitro, in realtà, hanno dimostrato che la maggior parte degli adenomi ipofisari non secernenti produce in realtà piccole quantità di FSH, LH e alfa-subunità se stimolati da GnRH ...

Continua →
3

SINDROME DI SHEEHAN (NECROSI IPOFISARIA ISCHEMICA)

Autore: Dott. Andrioli Massimiliano

La sindrome di Sheehan, nota anche come necrosi ipofisaria ischemica, è una condizione caratterizzata da insufficienza ipofisaria (ipopituitarismo).
Una delle cause più frequenti di sindrome di Sheehan è l’emorragia uterina da parto.
Durante la gravidanza la ghiandola ipofisaria va incontro ad una fisiologica ‘ipertrofia, aumentando di dimensioni fino a triplicare il suo volume. Ciò determina un aumento del “fabbisogno” della ghiandola e quindi si assiste anche ad una maggiore perfusione ematica.
Continua →

2
Pagina 1 del 2 12